Vendita ibrida | Agenzia pubblicitaria Graz Fynest

Vendita ibrida: quanto "digitale" avrà bisogno delle vendite nel 2022?

Chi non lo sa in questo momento? Le riunioni digitali tramite Zoom, Microsoft Teams, Google Hangouts o piattaforme simili hanno fatto parte della vita quotidiana di molti al più tardi dall'inizio della pandemia di Corona. Per tutti coloro per i quali il termine “videochiamata” è ancora territorio nuovo nel 2022, gli ultimi mesi sono probabilmente trascorsi un po' troppo in fretta.  

La digitalizzazione porta chiaramente grandi vantaggi in settori quali la produttività nel lavoro quotidiano o la flessibilità nell'organizzazione degli appuntamenti. Sempre più servizi vengono digitalizzati e i processi automatizzati nelle aziende ora sono probabilmente altrettanto importanti per molte come il caffè quotidiano al mattino. Anche nelle vendite le aziende difficilmente riusciranno ad evitare questa tendenza nel 2022 e saranno più o meno costrette a fornire infrastrutture digitali per il proprio team di vendita. Come detto, a vantaggio di alcune zone. Ma soprattutto nella vendita, dove sono essenziali umanità, empatia per la persona, empatia e adattabilità, ci si chiede di quanto “digitale” avremo davvero bisogno nel 2022? 

Dato che gli elementi digitali stanno diventando sempre più importanti in tutti i settori di un'azienda, raramente è necessario un secondo parere. Nelle vendite, invece, la risposta d'oro sta probabilmente in un buon mix di touchpoint analogici e digitali. La combinazione di entrambi rende tutte le fasi del processo di vendita più efficienti, misurabili e flessibili. Ma anche in questo caso, le aziende dovrebbero scegliere con attenzione l'ottimizzazione del punto di contatto, perché solo chi digitalizza al punto giusto può alla fine raccogliere i frutti.  
Un semplice esempio: progettare una nuova cucina è un problema complesso per molte persone e comporta una o due sfide. I passaggi digitali nel percorso del cliente semplificano naturalmente in una certa misura l'acquisizione di informazioni per il cliente e quindi aumentano anche il successo delle vendite durante l'intero processo. La conclusione è che pochissime persone vorrebbero avere una chiacchierata personale con un consulente d'arredo per una cucina di design che non ha le competenze e le conoscenze tecniche per fornire gli ultimi suggerimenti per l'abbinamento dei colori o informazioni importanti sulle proprietà del materiale. Tuttavia, resta da vedere se queste discussioni si svolgono in loco o digitalmente tramite una videochiamata per una serie di motivi. 

Ma una delle case automobilistiche più avanzate al mondo mostra che le cose possono essere fatte in modo completamente diverso, o ovunque tu voglia classificare Tesla come azienda in questi giorni. Portare un'auto al cliente, a volte per più di 60.000 euro, con un processo di vendita puramente digitale non sembra essere un problema per il gruppo statunitense. E questo nonostante molti fossero inizialmente molto scettici sulla gamma di veicoli e sul successo a lungo termine di Tesla rispetto alle case automobilistiche affermate. Si spiega da sé che questo ovviamente non consente la generalizzazione e non si adatta a tutti i processi di vendita. Ma ha dimostrato ancora una volta che il coraggio e lo spirito innovativo vengono spesso premiati.  

Vendita ibrida: il buon mix porta al successo 

Diventa quindi subito chiaro che la digitalizzazione in tutti i punti di contatto del percorso dell'acquirente non è certamente la soluzione ottimale per tutti, ma si tratta di elementi digitali al posto giusto per ottimizzare di conseguenza l'intero processo di vendita e progettarlo ibrido con tutte le sue componenti. Sebbene il termine "vendita ibrida" non debba più sorprendere molti esperti, quest'anno sta assumendo sempre più importanza e sottolinea molto chiaramente dove sta andando il percorso nella gestione delle vendite nel futuro: flessibilità in tutte le aree in combinazione con perizia personale ed esperienza al momento giusto.  

Ecco perché, anche nel 2022, le aziende non dovrebbero mai perdere di vista ciò che è importante, ovvero le loro competenze chiave, oltre a tutte le nuove tendenze che stanno emergendo. Nell'era della digitalizzazione, questi possono ancora essere inviati personalmente al cliente, ma in futuro un processo complessivo ibrido diventerà ancora più importante per tutti. La domanda su quanto le vendite "digitali" avranno davvero bisogno nel 2022 non può essere risolta in generale. Ogni azienda deve utilizzare il proprio percorso del cliente per filtrare quali passaggi sono maturi per la digitalizzazione e in quali aree un punto di contatto fisico o personale è ancora più efficace.  

Supportiamo anche le aziende con queste ottimizzazioni dei punti di contatto come loro sparring partner personale e compagno. Per ulteriori informazioni su come implementiamo la vendita ibrida in varie organizzazioni e quali fattori sono particolarmente importanti, è meglio inviarci un breve messaggio tramite ciao@fynest.at o visitate il nostro sito web sull'argomento "Compagnia".

Condividi questo!
Facebook
Twitter
LinkedIn
XING
E-mail
WhatsApp
lavoro di squadra a livello degli occhi.
Vi aspettiamo!
Non vediamo l'ora di vederti!